Alban Elfed: l’equilibrio che vacilla

Ho sempre trovato l’autunno una splendida stagione. La natura è un tripudio di colori e tutto in natura convergere verso il riposo, la contemplazione e il silenzio. Notte e giorno sono per un breve istante uguali. E’ un ottimo momento per sentirsi grati a noi stessi e alla vita per il nostro raccolto. Un momento di generosità e di condivisione… Ho sempre amato questa festa per il valore e la ricchezza spirituale che porta con sé e per la sua silente sfida: l’Equinozio d’Autunno è una soglia di prova e preparazione verso la chiusura vera e propria, rappresentata dalla festa di Samhain.

dddd
-Carta dei Wildwood Tarot-

Alban Elfed, l’Equinozio d’autunno. La festa della luce del sole che cala lentamente oltre la nona onda, la festa dell’equilibrio tra Luce o Oscurità… il sacro tempo della ricompensa dopo i lunghi mesi di lavoro…. un vaglio nel nostro raccolto, un inizio della presa di coscienza degli effetti delle nostre azioni, le giornate sempre più buie, la promessa della rinascita che giace al sicuro sotto la terra. Questi sono alcuni degli Antichi valori che questo tempo porta ancora con sè, nonostante la nostra vita viene sospinta lontano dalla terra e dai suoi movimenti e trasformazioni.

Lavorando con al pubblico ho riscontrato che sono molte le persone che in questo periodo si fanno malinconiche e tristi per la fine dell’estate, per le giornate che si accorciano e accompagnano questa fine dell’estate, al senso della perdita di qualcosa. La perdita è il compagno che la nostra società ha scelto d’abbracciare nell’ inseguimento di un effimera eternità del tutto. In molti percepiamo la trasformazione delle maree del tempo ma solo pochi riescono a coglierne il richiamo e la sfida a cui esso inizia a prepararci.

Di quale sfida ci parla l’Equinozio d’Autunno?

La Ruota dell’Anno e tutti gli insegnamenti di ogni tradizione spirituale legata alla Terra, convergono sul fatto che dobbiamo abbracciare “il concetto dell’Impermanenza” di tutte le cose. Niente è eterno. Niente è fatto per durare per sempre: dal mondo che ci circonda fino a giungere a noi stessi. Per nostra natura siamo portati ad “attaccarci alle cose, alle persone, alle situazioni…a tutto insomma!…” quando le perdiamo ne siamo turbati, afflitti, sconfitti e sconvolti.

Una delle tante lezioni che questo momento ci offre è proprio questo: imparare ad accettare e a lasciar andare le questioni che hanno finito il loro ciclo, o che stanno per farlo, fardelli che non desideriamo più portarci dietro nel nostro viaggio. Dobbiamo fare della “piccola morte” la nostra compagna di viaggio e la nostra migliore alleata lungo la via della crescita e della consapevolezza. La nostra società ha demonizzato la morte, la teme e intraprende inutili ricerche lungo la via della vita eterna, senza sapere che non esiste modo per sconfiggerla, ma solo un arresa fatta di comprensione e accettazione della nostra temporanea esistenza.

Questa è la sfida che si nasconde tra le pieghe di un equilibrio destinato a durare solo un attimo prima che siano aperte le porte che ci condurranno alla festa di Samhain.

© Bosco dei Noccioli 2016
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell’autore e senza citarne la fonte. Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d’autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...